giovedì 13 marzo 2008

Sondaggio Demos: divario Pd-Pdl dal 7,2 al 6,7%

Dopo 19 giorni viene pubblicato un sondaggio Demos su repubblica.it. Le ultime interviste risalivano al periodo 18-20 febbraio. Quelle relative, invece, alla rilevazione circa le intenzioni di voto in vista delle Elezioni Politiche del 13-14 aprile pubblicata oggi sono state effettuate tra il 5 e il 10 marzo.
Secondo Demos il divario tra la coalizione guidata da Walter Veltroni e quella che presenta Silvio Berlusconi come candidato premier si è ridotto nelle ultime 3 settimane da 7,2 a 6,7 punti percentuali.
Pressocchè stabili i voti che, secondo Demos, otterrebbe il centrosinistra oggi rispetto a quelli rilevati il 18-20 febbraio. Cala il Partito Democratico dal 34,8 al 34%, mentre cresce di oltre un punto l'Italia dei Valori di Antonio di Pietro, che sale dal 3,4 al 4,5%. Per quanto riguarda il centrodestra, rimane stabile il Movimento per l'Autonomia di Raffaele Lombardo allo 0,4%, aumenta di un punto i suoi voti la Lega Nord dal 4,5 al 5,5% e compensa in parte la perdita del Popolo della Libertà di Fini e Berlusconi che scende dal 40,5 al 39,3%.
Perdono 1 punto percentuale i centristi dell'Unione di Centro, fermi al 6%, rispetto al 7% del precedente sondaggio Demos dove Udc e Rosa Bianca insieme ottenevano il 7% (6,1% l'Udc e lo 0,9% la Rosa Bianca).
Guadagnano terreno la Sinistra Arcobaleno e La Destra di Storace, che crescono rispettivamente dal 5,8 al 6,2% e dall'1 all'1,9%.
Stabile il Partito Socialista allo 0,8%.

Nessun commento: